cover of Vera Rossi e Lilli Tabasso. Oltre il giardino
Lilla Tabasso, Fresie gialle, 2020-21, vetro di Murano modellato a lume, D max, cm 29 x 42 h. Foto Roberto Marossi

Fiori, piante e giardini segreti sono protagonisti della mostra Oltre il giardino, interamente dedicata al tema della rinascita primaverile, con le fotografie di Vera Rossi (Milano, 1968) e le sculture in vetro di Lilla Tabasso (Milano, 1973). 

Oltre il giardino è un progetto originariamente ideato da Vera Rossi per la Galleria Forni, un ciclo di scatti realizzati nel corso dell’ultimo anno ed interamente dedicati al tema di interni/esterni, finestre aperte su giardini, varchi di accesso ad una realtà psichica dove si annullano spazio prospettico e tempo cronologico. 

La presenza di Lilla Tabasso, con tre opere inedite molto significative, richiama il tema naturalistico/floreale, leitmotiv dell’intera mostra. Per la prima volta esposto a Bologna, il lavoro scultoreo della Tabasso è creato con la complessa pratica del vetro di Murano lavorato a mano, utilizzando le antiche tecniche di soffiatura e modellazione a lume.

La vita è uno stato mentale, questo è il principio che sta alla base della ricerca artistica di Vera Rossi ed è il principio cardine del film di Hal Ashby, Oltre il giardino, da cui non a caso la mostra trae il titolo. Così come il giardiniere protagonista del film apprende il senso della vita vivendo entro quattro mura, allo stesso modo Vera Rossi riesce a trascendere il luogo dello scatto, riportando allo sguardo una quotidianità stratificata in cui vengono a sovrapporsi sogni e ricordi. Luci e ombre mostrano il carattere instabile e il limite stesso della nostra percezione. Per mezzo di elementi trasparenti come l’acqua e il vetro, l’artista filtra le immagini, trascendendo la realtà oggettiva delle cose e mettendo in evidenza il concetto del varco. Significative a questo proposito sono le parole dell’autrice stessa: “Ciò che il mio sguardo si propone di indagare è la dimensione che si trova oltre le luci, oltre le ombre, oltre le stanze, Oltre il giardino”.

La riflessione di Lilla Tabasso, fedele al realismo più puro, sembra in contrapposizione al mondo evocativo di Vera Rossi, richiamando spesso il concetto di Vanitas, ovvero la caducità della vita terrena e l'inesorabile scorrere del tempo, espressi dalla presenza di foglie secche e fiori appassiti all’interno di delicate composizioni floreali.

Le tre opere in esposizione sembrano però celebrare la rinascita: mazzi di fresie, papaveri e tulipani, sono innegabilmente simboli del risveglio primaverile, un inno alla gioia di vivere. Fiori recisi ma ancora pieni di vita, incredibilmente realistici, che traggono dalla natura un’infinita varietà di colori, sfumature e mutazioni, realizzati con l’abituale realismo e l’elevata qualità tecnica che contraddistingue il suo lavoro. La lavorazione del vetro di Murano produce trasparenze e colorazioni impensabili, frutto di un lungo ed accurato processo manuale.


Orari di apertura ART CITY Bologna:

Venerdì 7 maggio h 10.30-13 / 15-19
Sabato 8 maggio h 10.30-13 / 16-19.30

Orari di apertura ordinari:

h 10.30-13 / 15-19

Ingresso:

gratuito

da ven 30 apr — a sab 29 mag
@Galleria Forni

Vera Rossi e Lilli Tabasso. Oltre il giardino

mostra di fotografia e scultura | gallerie e altri spazi espositivi ART CITY Bologna 2021