cover of Matteo Nasini. Il canto degli erranti - Epilogo
Matteo Nasini, Sidereo, 2021, legno, acciaio, alluminio, courtesy l’artista e CUBO Unipol, foto Flavio Pescatori

Radioimmaginaria è il network europeo degli adolescenti dagli 11 ai 17 anni. Il Canto degli Erranti è l’audiodramma astralista in 4 parti (e l’epilogo) scritto e diretto da Matteo Mottin e Matteo Nasini, che ne cura anche la sonorizzazione ed è interpretato da Irene Timpanaro e Marco De Francesca.​ Per sottolineare il rapporto tra tecnologia e dimensione fantastica nel progetto di Matteo Nasini, la mostra Remota Armonie allestita a CUBO, il museo d’impresa del Gruppo Unipol, si è pensato di raccontare un lavoro tecnicamente complesso tramite un audiodramma che ne presenta i temi sotto forma di narrazione.

"In un mondo in cui la tecnologia sembra essersi estinta, ritrovamenti parziali di una presunta macchina in grado di suonare le stelle destano scalpore innescando ricerche e nuovi emblematici interrogativi". Anche Siderino, come gli adolescenti di Radioimmaginaria, impara a sopravvivere a tutto e pensa che il mondo vada cambiato e stia a lui farlo; Siderino è un tipo IMMAGINARIO.

La storia è ambientata in un futuro in cui ogni traccia di tecnologia è scomparsa. La scienza viene interpretata non come strumento per indagare la realtà, ma come dogma fisso e immutabile. Viene utilizzata, da parte di una élite, come base da cui esercitare e mantenere il potere. Una strana interpretazione della matematica, della geometria e della programmazione informatica danno forma al modo in cui gli individui si relazionano alla realtà. Gli unici elementi tecnologici sono i resti di una macchina che si narra sia in grado di suonare le stelle. Chi anche solo la nomina rischia di essere accusato di eresia, incorrendo in pene severe. Questa macchina, capsula di sperimentazione in cui la scienza si unisce all’arte, rappresenta l’ultima speranza per un rilancio della ricerca scientifica, un tassello nascosto in grado di sbloccare la realtà da quel suo futuro presente sostenuto da inutili dogmi. In questo universo si muove Siderino, un giovane studente che nel tempo della storia sta giusto iniziando il suo apprendistato quando, attraverso curiose vicende, entra in contatto con uno dei pezzi della leggendaria macchina. 

L’incontro è trasmesso sabato 8 maggio alle h 15 in modalità LIVE Streaming sulla piattaforma gratuita, sulla pagina Facebook e sul canale YouTube di CUBO.

Progetto realizzato nel contesto della mostra di Matteo Nasini Remote armonie a cura di Treti Galaxie (Ramona Ponzini, Matteo Mottin)

- promosso da CUBO, Museo d’Impresa del Gruppo Unipol

sab 8 maggio | ore 15:00
@Radioimmaginaria | Live streaming da CUBO Unipol

Matteo Nasini. Il canto degli erranti - Epilogo

radiodramma astralista in quattro parti | Main Project ART CITY Bologna 2021