cover of Match | Iaia Forte vs Marta Dalla Via

Conduce Lorenzo Donati

Match si ispira a una delle trasmissioni RAI simbolo degli anni ’70: Match di Alberto Arbasino.

Lo storico e ormai inimitabile programma televisivo Match, che Alberto Arbasino - maestro di intelligenza, di stile e di passione letteraria, conduceva, prevedeva un confronto, spesso nella forma di “scontro” dialettico, tra artisti o esponenti della cultura con percorsi e concezioni molto diverse sull’arte e la società. Un espediente per avvicinare e far dialogare due mondi spesso inconciliabili e soprattutto seguiti da differenti tipologie di spettatori, ma soprattutto per riportare all’interno di un dibattito pubblico più ampio, il tema della cultura e della produzione artistica.

Un confronto-spettacolo tra artisti e generazioni agli antipodi, attraverso racconti, brani e riflessioni sul ruolo dell’arte e del teatro in questa epoca.

Match tra Iaia Forte e Marta Dalla Via - appositamente pensato per Luci della città - prevede un confronto tra le due attrici impegnate a sfidarsi anche in una parte di performance. Il match è condotto dal critico teatrale e studioso Lorenzo Donati / Altre Velocità.

Match è un format nazionale che sta girando i teatri e le città e coinvolge grandi interpreti della scena nazionale con artisti e artiste del circuito della ricerca e sperimentazione teatrale, già premiati con riconoscimenti nazionali.

Un po’ salotto televisivo, un po’ agone teatrale, Match, programma condotto da Alberto Arbasino per la Rai nel 1977, è stato sicuramente un serissimo divertissement intellettuale. Una tribuna del logos dove «al di là delle schiume e croste del bla», «dibbattito» e «discorzo» si fondevano feroci. Intorno a due campioni scelti per il confronto dialettico, ma anche alla loro schiera: una compagine di amici, colleghi, sodali, come un coro indisciplinato, che prendeva la parola in un sovrapporsi di voci, in una pluralità forsennata di opinioni e stimoli…L’intento con questa iniziativa è quello di recuperare lo stesso spirito, cordiale e agguerritissimo, per dare vita di nuovo a un ragionare irrequieto… ARBASINO e l’eredità di MATCH /Stratagemmi – Prospettive Teatrali


in omaggio ad Alberto Arbasino; produzione Gli Scarti/ Teatro degli Impavidi; in collaborazione con Elena Di Gioia - Luci della Città e con Stratagemmi-Prospettive Teatrali, Milano


Iaia Forte

Iaia Forte, attrice italiana, in campo cinematografico, teatrale e televisivo.

Diplomata al Centro sperimentale di cinematografia, ha debuttato in teatro con Toni Servillo, vincendo per Il misantropo di Molière il Premio della Critica come migliore attrice.

Ha collaborato a lungo con il gruppo Teatri Uniti. Sempre in teatro ha lavorato con Leo de Berardinis, Mario Martone, Carlo Cecchi, Federico Tiezzi, Emma Dante, partecipando a spettacoli premiati dalla critica.
Al cinema ha interpretato Libera di Pappi Corsicato, con cui ha lavorato anche ne I buchi neri, I vesuviani e Chimera. Al cinema ha lavorato con Maurizio Nichetti, Marco Ferreri, Tonino De Bernardi, Mario Martone, Renato De Maria e Marco Risi, ottenendo due Nastri d’argento e un premio Sacher come migliore attrice protagonista. Ha interpretato inoltre la parte di Trumeau ne La grande bellezza (2013) di Paolo Sorrentino. Ha preso parte al Progetto Domani di Luca Ronconi in occasione delle Olimpiadi della Cultura Torino 2006, recitando in Troilo e Cressida di Shakespeare e ne Lo specchio del diavolo di Giorgio Ruffolo. Parallelamente, Iaia Forte, insieme con Clara Gebbia, lavora a progetti ideati e prodotti dalla compagnia Teatro Iaia.

Marta Dalla Via

Attrice e performer, inizia il suo percorso artistico seguendo attivamente il lavoro di Pippo Delbono, Laura Curino, Angela Malfitano, Francesca Mazza. Nel 2001 si diploma presso la scuola di teatro di Bologna diretta da Alessandra Galante Garrone. Trascorre un periodo di lavoro presso il Cirque Baroque a Parigi dove studia acrobatica aerea, giocoleria e tecniche di clown.

Dal 2002 lavora con la compagnia Pantakin da Venezia con la quale vince il Leone d’oro alla Biennale di Venezia nel 2006 e il Premio della critica nel 2008. Dal 2006 è autrice dei suoi allestimenti dove mescola tecniche di maschera e clown alla nuova drammaturgia.
Insieme al fratello Diego Dalla Via scrive Piccolo Mondo Alpino progetto vincitore del Premio Kantor, spettacolo prodotto dal CRT di Milano.

Mio figlio era come un padre per me è il progetto vincitore del premio Scenario 2013.
Insieme a Diego Dalla Via a e Roberto di Fresco forma la compagnia Fratelli Dalla Via con cui realizza diversi spettacoli. Nel 2015 è diretta da Fabrizio Arcuri in Faust In and Out di Elfriede Jelinek. Nella stagione 2015/2016 è in tour con lo spettacolo La Cativissima di e con Natalino Balasso e nel 2017 scrive e dirige con Natalino Balasso Delusionist. Nel 2016 debuttano Drammatica Elementare e Personale Politico Pentothal opera Rap per Andrea Pazienza. Nel 2019 firma la regia di Le notti Bianche riadattamento ed interpretazione di Giulio Casale.
Nel 2020 scrive e dirige Turandò con Petra Magoni e Ferruccio Spinetti.

Nel giugno 2019 vince il premio Mariangela Melato per il teatro.


Il Match sarà tramesso in diretta sulla pagina Facebook di Luci della città.

INFO E PRENOTAZIONI
INGRESSO LIBERO – POSTI LIMITATI
prenotazione obbligatoria su www.vivaticket.it e nei punti vendita Vivaticket

Spettacolo prenotabile da lunedì 13 settembre

sab 18 settembre | ore 21:00
@Spazio Enel | Piazza Liber Paradisus

Match | Iaia Forte vs Marta Dalla Via

confronto - spettacolo tra attrici, generazioni e poetiche