cover of Le ragioni del dubbio. L'arte di usare le parole

Vera Gheno parla del suo libro Le ragioni del dubbio. L'arte di usare le parole (Einaudi)
Dialoga con l’autrice Francesca Santoro, filologa classica di animo pop e giornalista

Le parole non sono mai solo parole, si portano dietro visioni differenti della realtà, tutte le nostre aspirazioni e le nostre certezze; possono generare conflitti e fare male ma, se impariamo a usarle meglio, possono anche generare empatia e fare del bene.

Vera Gheno continua a indagare i meccanismi della nostra lingua e, in questo nuovo libro, vuole distillare un «metodo» che si fonda sul dubbio, la riflessione e il silenzio per ricordarci la responsabilità che ognuno di noi ha ma anche l'opportunità, in alcune occasioni, che si decida saggiamente di non aver nulla da dire.
L'incontro è realizzato in collaborazione con Einaudi editore e Libreria Trame
Ingresso gratuito.


Modalità di acceso
​L'accesso al posto a sedere (non numerato) sarà possibile a partire da 45 minuti prima dell'inizio dell'incontro. Una volta raggiunta la capienza massima consentita non sarà possibile entrare e sostare in piedi.
L'incontro si svolgerà nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle disposizioni sanitarie anticovid di legge. Il pubblico dovrà essere munito di mascherina durante tutta la durata dell'incontro. I posti a sedere garantiscono il necessario distanziamento interpersonale. Per accedere sarà obbligatorio essere in possesso di certificazione verde Covid-19 (il cosiddetto green pass) da esibire all'ingresso della biblioteca in formato digitale o cartaceo insieme a un documento di riconoscimento valido. Per la verifica si utilizzerà l'app nazionale VerificaC19, che legge ma non registra i dati del titolare.
Il green pass non è richiesto per le persone escluse dall'obbligo, a norma di legge, per motivazioni da certificare all'ingresso.

mar 19 ottobre | ore 18:00
@Piazza Coperta di Biblioteca Salaborsa

Le ragioni del dubbio. L'arte di usare le parole

incontro con Vera Gheno e Francesca Santoro