cover of Giovanni Boldini. Lo sguardo nell'anima

A Palazzo Albergati di Bologna, dal 29 ottobre 2021 al 13 marzo 2022, una straordinaria mostra dedicata a Giovanni Boldini, con oltre 90 opere, in occasione del novantesimo anniversario della sua morte avvenuta a Parigi nel 1931.

Il fascino femminile, gli abiti sontuosi e fruscianti, la Belle Époque, i salotti: questo è il travolgente mondo di Giovanni Boldini, genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria. La mostra antologica Giovanni Boldini. Lo sguardo nell’anima, sviluppata su un registro narrativo cronologico e tematico al tempo stesso, presenta una ricca selezione di opere che esprime al meglio la maniera di Boldini, il suo saper esaltare con unicità la bellezza femminile e svelare l’anima più intima e misteriosa dei nobili protagonisti dell’epoca. Ecco quindi celebri opere come Mademoiselle De Nemidoff (1908), Ritratto dell'attrice Alice Regnault (1884), La contessa Beatrice Susanna Henriette van Van Bylandt (1903), La contessa De Rasty coricata (1880 ca.), La camicetta di voile (1906 ca.). Una rassegna che però non si ferma all’esperienza internazionale e creativa di Boldini ma che, attraverso alcune importanti opere di confronto, presenta anche opere di artisti a lui contemporanei.

leggi tutto


Orario apertura
tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 20.00
(la biglietteria chiude un’ora prima)

Aperture straordinarie:

  • Lunedì 1° novembre 10.00 – 20.00
  • Mercoledì 8 dicembre 10.00 – 20.00
  • Venerdì 24 dicembre 10.00 – 17.00
  • Sabato 25 dicembre 16.00 – 20.00
  • Domenica 26 dicembre 10.00 – 20.00
  • Venerdì 31 dicembre 10.00 – 17.00
  • Sabato 1° gennaio 10.00 – 20.00
  • Giovedì 6 gennaio 10.00 – 20.00

Info biglietti a questo link

Possessori Card Cultura € 14,00 (audioguida inclusa)


www.palazzoalbergati.com


www.arthemisia.it

www.facebook.com/ArthemisiaArte

da ven 29 ott — a dom 13 mar
@Palazzo Albergati

Giovanni Boldini. Lo sguardo nell'anima

una straordinaria mostra in occasione del novantesimo anniversario della morte dell'artista