cover of

È la star del violino Sergey Khachatryan, nato in Armenia e balzato agli onori delle cronache come il più giovane vincitore nella storia del Concorso “Sibelius” di Helsinki, il protagonista del concerto.
Ospite di palcoscenici prestigiosi, dai Berliner Philharmoniker alla Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam, con la compagine del Comunale Khachatryan interpreta il Concerto per violino in re minore WoO 23 di Robert Schumann, opera postuma scritta nel 1853 che venne pubblicata ed eseguita solo nel 1937, senza che il compositore avesse mai potuto ascoltarla.
 

Sul podio Valentin Uryupin, Direttore principale e artistico della Novaya Opera di Mosca e vincitore dell’ottavo Concorso “Sir Georg Solti”, dedicatosi alla direzione d’orchestra dopo la carriera come clarinettista, che completa il programma con un’altra pagina schumanniana: la Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 97, detta “Renana” poiché ispirata alla “vita a bordo del Reno” vissuta da Schumann, il quale nel 1850 si era trasferito a Düsseldorf per assumere la guida dell’orchestra della città.

In apertura di serata il direttore d’orchestra russo omaggerà l’Ucraina con un fuori programma: l’esecuzione del terzo movimento “Augenblicke der Serenade” da Stille Musik, brano scritto nel 2002 dal compositore di Kiev Valentin Silvestrov.



 

Contenuto inserito il 29 dic 2021 — ultimo aggiornamento il 25 mar 2022
26 marzo 2022, 20:30
@ Teatro Auditorium Manzoni

Sergey Khachatryan

Stagione Sinfonica del Teatro Comunale di Bologna 2022