Cultura Bologna
copertina di Pinuccia Bernardoni. Una felice corsa
dal 20 gen al 26 feb 2023 @Fondazione del Monte, Via delle Donzelle, 2 40126 Bologna

Pinuccia Bernardoni. Una felice corsa

mostra personale | programma istituzionale ART CITY Bologna 2023

Una felice corsa attraversa l’intero arco della lunghissima produzione di Pinuccia Bernardoni, presentando opere realizzate a partire dai primi anni Ottanta a oggi, che individuano nella carta un medium privilegiato della sua indagine sulla relazione tra scultura e corpo, tra corpo e paesaggio, e tra natura e astrazione.

La carta, declinata come scultura e come supporto nel disegno, viene gradualmente integrata e sostituita da altri materiali: ferro, vetro, foglie che attraverso processi di manipolazione – come la piegatura, la foratura e l’assemblaggio – mettono in evidenza da un lato la specificità della materia, dall’altro la possibilità di dialogo tra elementi differenti.

Dopo gli esordi a Firenze, ancora legati all’arte concettuale e alla poesia visiva, nel 1976 Pinuccia Bernardoni si trasferisce a Bologna e inizia a lavorare a installazioni ambientali sul tema della memoria, per giungere, a partire dai primi anni Ottanta, a maturare un’indagine personale sulla scultura in chiave anti-monumentale e processuale. Materiale d’elezione di questo periodo è la carta di riso, al centro di una pratica artistica che attraverso l’innesto di fili di metallo, la bruciatura, la piegatura e il collage, ne afferma e al tempo stesso ne mette in discussione la bidimensionalità e il volume.

Nel corso degli anni Novanta il suo interesse materico si estende all’impiego della lastra di ferro, spesso posta in relazione dialettica con la carta, per approdare in seguito all’uso di un materiale naturale, la foglia, a cui vengono riconosciuti forma e valore scultoreo. La foglia viene forata, inserita in cornici che hanno una funzione architettonica, usata come matrice – ombra, calco, traccia – fino a diventare soggetto di una serie di grandi disegni antropometrici su carta.
Il disegno accompagna tutto l’arco della carriera di Bernardoni, sottolineando un’affinità elettiva tra questo medium e la scultura, come forma che si produce attorno al vuoto e attraverso il gesto e il segno. In questo intreccio si inserisce un altro, importante, strumento analitico, quello del libro, capace, a partire dal 2013, di farsi corpo scultoreo unendo in un solo oggetto parola, volume, colore, azione.

La mostra è costruita per assonanze e contrappunti tra opere che appartengono a periodi e cicli diversi: un attraversamento del lavoro di Pinuccia Bernardoni che intende illuminarne la felicità – e il rigore – della ricerca, l’approccio meditato alla materia, lo stupore per il sensibile che ci circonda.
Accompagna l’esposizione un quaderno che racconta la fitta tessitura tra la vita e la poetica dell’artista, e un supporto didattico dedicato a bambine e bambini.


Mostra personale a cura di Cecilia Canziani


Orari di apertura ART CITY Bologna:

venerdì 27, sabato 28 e martedì 31 gennaio, mercoledì 1, giovedì 2 e venerdì 3 febbraio h 10-18
sabato 4 febbraio h 10-24
domenica 5 febbraio h 10-19

Orari di apertura ordinari:

h 10-18 (lunedì e domenica chiuso)