copertina di Padre d’amore Padre di fango

Siamo nel 1989: l’atmosfera di disimpegno politico e sociale culmina nella caduta del muro di Berlino. La provincia veneta appare ferita dagli arresti politici e dal dilagare della tossicodipendenza. Sara è una bambina di 10 anni con la passione per il tennis e un amore smodato per Andre Agassi e suo padre Sergio è un operaio trentenne, idealista ed eroinomane. Il 1989 è l’anno in cui tutto cambia anche per la famiglia di Sara.
 

Ad aiutare la protagonista nella lotta per la vita, importanti figure di donne: la nonna Teresa, macellaia e fan sfegatata di Casadei e la bisnonna Rina, operaia tessile da Marzotto e due guerre mondiali sulle spalle. Sullo sfondo Schio, cittadina operaia in provincia di Vicenza. La piccola e industriosa città, che vede nascere e crescere grandi aziende tessili come la Lanerossi, negli anni ‘80 viene letteralmente sommersa dall’eroina, assistendo con indifferenza e paura all’annichilimento della generazione venti-trentenne dell’epoca.
 

di Cinzia Pietribiasi e Compagnia Pietribiasi/Tedeschi
 

INFO & BIGLIETTERIA
Biglietto intero 10€; ridotto 8€ 
Il biglietto ridotto è riservato agli studenti, ai possessori di Card Cultura e ai dipendenti del Comune di Bologna dietro la presentazione del badge/card.
Posti limitati, biglietti disponibili on line su vivaticket 

Per informazioni scrivere a prenotazioni@ateliersi.it


 


 


 


 

contenuto inserito il 30 set 2021 — ultimo aggiornamento il 12 nov 2021
18 novembre 2021, 19:30
@ AtelierSì

Padre d’amore Padre di fango

narrazione multimediale autobiografica | Compagnia Pietribiasi/Tedeschi