Cultura Bologna
copertina di Antigone e gli specchi
30 agosto 2022, 21:00 @Anfiteatro del Parco di Villa Spada, entrata da Via di Casaglia 3 - Bologna

Antigone e gli specchi

Feminologica 5: teatro civile al femminile

di e con Angela Malfitano

suono Antonio Michelangelo Del Gaudio (Delga)

A cura dell’Associazione Tra un atto e l’altro

Un percorso teatrale e musicale tra le Antigoni della letteratura del ‘900. Diversi autori sono stati affascinati dalla sua figura dopo Sofocle: Brecht, Anouilh e Yourcenar.

Antigone, nel '900 diventa simbolo di disobbedienza civile, di rivendicazione dei diritti degli emarginati, eroina del femminismo. Attraverso diverse versioni di Antigone lo spettacolo racconta diverse modalità di sfida ai tiranni in nome della philia.

Antigone è diventata modello della ribellione individuale contro la sopraffazione dello stato. Dovunque vi sia una discriminazione o un conflitto, lei torna ad assumere il ruolo dell'eroina che sfida i regimi totalitari. Nelle riletture novecentesche rivive un mito che attraversa più di due millenni e la cui presenza nella nostra storia non può considerarsi conclusa. Mai come oggi attuale.

Nella mitologia greca la giovane Antigone sfida il potere e sacrifica la vita pur di assicurare al corpo del fratello Polinice la sepoltura che il governatore di Tebe, Creonte, non vuole concedergli per motivi politici. Il gesto coraggioso di Antigone e le motivazioni che lo ispirano hanno fatto di lei un simbolo dell'emancipazione femminile e della libertà di coscienza contro ogni sopraffazione esterna.

A Sofocle dobbiamo l’aver dato a entrambe le sorelle, Antigone e Ismene, una personalità distinta e un ruolo definito, che nelle tragedie precedenti non avevano. Nella lunga storia delle riprese letterarie del mito di Antigone, le due posizioni si reggono in equilibrio precario. Jean Anouilh scrive la sua Antigone nel 1942 quando la Francia vive l'occupazione tedesca. Il pessimismo che grava sui francesi genera un senso di impotenza che sembra vanificare ogni gesto. In questa atmosfera nasce l'opera: lo spirito dei protagonisti, il loro atteggiamento, il loro carattere appaiano profondamente mutati e non solo a causa dell'ambientazione moderna. L'antitesi Creonte - Antigone è giocata sui toni del tragico dell'ironico e del paradossale. Dovunque vi siano discriminazioni razziali, lotte di classe, intolleranze religiose, dovunque una minoranza oppressa levi la sua voce a reclamare giustizia, Antigone torna ad assumere il ruolo che da sempre le stato imposto, quello della giovane eroina che sfida i regimi totalitari in nome di una pietas universale. In Brecht invece il diritto a cui si appella Antigone viene sopraffatto dal nuovo diritto creato e imposto dalla guerra. E’ Creonte il signore della guerra a vincere. Con Brecht Antigone è solo una vittima e creonte solo un tiranno. Infine l'Antigone di Marguerite Yourcenar: è una donna di passione, modernizzata e tolta dal peso della tragedia; ora immersa nell'incubo della guerra civile e in un clima di rivolta contro il potere iniquo. Forse la più densa di elementi contemporanei e presagi 


In caso di pioggia lo spettacolo è rimandato al 31 agosto

Ingresso 10€

MODALITA’ DI PAGAMENTO

-BANCOMAT/CARTE

-Bonifico Bancario sul conto dell’Associazione Culturale Youkali APS: (Emil Banca IT53G0707202409000000131803, almeno 2 gg prima dell’evento. Causale: Nome e Cognome di ogni partecipante, data e titolo spettacolo scelto)

-paypal (info@youkali.it causale: come per bonifici)

- contanti

Prenotazione obbligatoria: 3334774139 info@youkali.it

Puoi portare cuscino o plaid. Arriva almeno 20 minuti prima dello spettacolo

Libri al femminile in collaborazione con Libreria Trame

In caso di pioggia gli eventi verranno rimandati alla data indicata tra parentesi senza variazione di orario. La decisione della sospensione verrà segnalata dalle ore 18:00 sulla pagina Facebook “Feminologica”.

Le prenotazioni effettuate, salvo disdette, verranno automaticamente spostate alla data alternativa