cover of Epica Festival
foto dell’artista Nino Migliori, da Muri (1973)

Dal 2 al 6 giugno e il 15 e 16 giugno 2021 nel territorio della Città Metropolitana di Bologna, nasce e germoglia come frutto della semina di relazioni e azioni creative e culturali delle ultime cinque stagioni di Agorà, Epica Festival, arti performative e linguaggi della scena contemporanea, nuova creazione teatrale a cura di Elena Di Gioia. Un nuovo festival nella stagione estiva bolognese che, grazie alla forza e tenacia del teatro, dell’arte e di luoghi sorprendenti e inaspettati, vuol fare tornare il pubblico a immergersi nella pratica del teatro, non solo assistendo agli spettacoli, ma scegliendo di “prendere un tempo” incontrando artisti, immergendosi nella visione di spettacoli e incontri, in un ritorno alla socialità.

Epica si svolge volutamente in una costellazione di luoghi - la mappa di alcuni comuni metropolitani di Agorà: Castel Maggiore, Pieve di Cento, Castello d’Argile e nella città di Bologna - per creare uno scenario sempre più largo di riferimenti e intrecci culturali metropolitani.

Con oltre 15 artisti e compagnie tra le più interessanti della scena contemporanea, 30 e più appuntamenti tra spettacoli, performances, debutti e anteprime nazionali e una mostra fotografica, con oltre 20 critici e studiosi e numerose collaborazioni con le realtà del territorio, Epica Festival, dopo un anno in cui il sistema teatrale si è fortemente isolato e forzatamente chiuso, intende rilanciare la centralità del sostegno a artisti, affermati e giovani, creando relazione con il pubblico e intreccio con operatori, studiosi, critici nazionali, generando azioni di sostegno, occasioni di confronto, attivando spunti di lavoro e riflessione sull’alterazione e le trasformazioni avvenute a causa di questo anno pandemico “mai prima d’ora”.

Anteprime, debutti, prove aperte con racconto, spettacoli e performance, letture, proiezioni, tavole rotonde. Tutte con il minimo comun denominatore dell’attenzione rivolta all’intreccio e al cortocircuito tra immaginari diversi per formazione, scelte e pratiche artistiche, generazioni della scena a confronto. Gli eventi sono tutti ospitati in luoghi insoliti e con allestimenti site specific, come la Cinquecentesca Villa Salina Malpighi a Castel Maggiore, lo storico Teatro Alice Zeppilli, la Sala del Consiglio Comunale di Pieve di Cento, la Rocca medievale di Pieve di Cento, il Giardino ex cimitero ebraico di Pieve di Cento, il Teatro La Casa del Popolo di Castello d’Argile, l’Atelier di scultura di Nicola Zamboni e Sara Bolzani, un podere agricolo immerso nella campagna, e anche piazze, cortili, luoghi all’aperto e del paesaggio di Castel Maggiore, Castello d’Argile, Pieve di Cento, luoghi della città di Bologna, tra cui l’Arena Orfeonica e la Biblioteca Salaborsa in Piazza del Nettuno per sottolineare un intreccio simbolico tra Biblioteche e Teatri dopo un anno di sospensione delle attività culturali.

La foto scelta come immagine del Festival è dell’artista Nino Migliori, da Muri, 1973.

Programma completo Epica Festival


Biglietti da 2 a 12 euro. Alcuni appuntamento sono a ingresso libero con prenotazione
info biglietteria

Posti limitati. Si consiglia sempre la prenotazione.
Per info e prenotazioni:
tel. 333.8839450 (telefono, whatsApp e SMS)
info@epicafestival.it


In caso di maltempo saranno comunicati aggiornamenti e location alternative sui canali di Epica Festival. Gli orari serali degli spettacoli potranno subire variazioni in base alle eventuali nuove regole in materia di coprifuoco.


ww.epicafestival.it

www.stagioneagora.it

@luoghi vari, Bologna e Città metropolitana

Epica Festival

arti performative e linguaggi della scena contemporanea | dal 2 al 6 giugno + 15-16 giugno 2021