cover of En plain air

Visitare gli studi degli artisti permette di entrare in contatto con un aspetto intimo e prezioso della produzione di opere d’arte contemporanea, svelandone gli aspetti del quotidiano e il lato più sincero dell’industria culturale. L’atelier, infatti, è uno spazio fisico e mentale, rifugio esistenziale, luogo d’incubazione dell’opera. Tra successi e fallimenti, tentativi e intuizioni, l’artista cela qui il pensiero, la meditazione, la riflessione e l’azione del suo creare.

Inoltre, lo studio, proprio per la sua qualità ontologica generatrice, accoglie in sé una inspiegabile, genuina, essenza di libertà. La creazione, qualsiasi essa sia, sprigiona costantemente la sua personalissima dose di endorfina, la cui condivisione, pertanto, istiga una ricezione attiva dell’arte. Una modalità conoscitiva culturale diversa e complementare a quella dei musei, delle gallerie o delle fondazioni. Quale migliore antidoto di risveglio sensoriale dopo l’atrofizzante inverno lasciato alle spalle?

10Lines, studio di Alessandro Brighetti e Veronica Santi, apre le proprie porte di opificio produttivo e propulsivo proponendo una molteplicità di progetti in fieri.
Nello spazio principale è presentata una preview della nuova produzione multimediale di Alessandro Brighetti: la ricerca degli ultimi due anni sfocia in una installazione scultorea permeata da incursioni nel video, nell’audio e nell’olfatto. L’installazione rappresenta una anticipazione delle opere che saranno oggetto della prossima mostra personale dell’artista e che si terrà nell’autunno 2021.

Una sezione dello spazio è invece dedicata alla documentazione di Raid, il format partecipativo di arti contemporanee itinerante, che dal 2017 ha visto 6 edizioni succedersi ed evolversi con la partecipazione di più di 80 autori, tra cui Alfredo Jaar, Massimo Bartolini, Paolo Fresu, Marzia Migliora, Pierpaolo Campanini, Loris Cecchini e molti altri. Veronica Santi, regista di quattro edizioni del format, presenterà la propria ricerca nell’ambito del cinema-live sviluppata all’interno di Raid con una serie di video delle passate edizioni.

Nel pomeriggio di domenica 9 maggio, 10 Lines ha invitato gli artisti Sergia Avveduti, Giulia Bonora, David Casini, Umberto Ciceri, Rudy Cremonini, Ivana Spinelli, Matilde Soligno per una performance corale di arte En plain air: nella bucolica cornice del giardino retrostante lo spazio prenderà vita una sessione di ritrattistica dal vivo a cui il pubblico può sottoporsi, il tutto condito da cocktail sofisticati e un programma di Live Jazz a cura di Andrea Grillini + Carlo Atti  & Friends.

Artisti coinvolti: Alessandro Brighetti  //  Sergia Avveduti, Giulia Bonora, David Casini, Umberto Ciceri, Rudy Cremonini, Veronica Santi, Ivana Spinelli, Matilde Soligno.  Live Jazz di Andrea Grillini + Carlo Atti & Friends.

10Lines, insieme a Fondazione Massimo e Sonia Cirulli e Kappanoun, è parte della rete Clan Lazzaro che inaugura per ART CITY Bologna 2021. Cellule indipendenti, eterogenee e complementari, i membri di Clan Lazzaro si organizzano antigerarchicamente per coagularsi in eventi che mettano in luce produzione artistica, collezionismo e display dell’Arte.
Un processo di aggregazione decentralizzato situato lungo la Via Emilia. 

Esposizione e ritrattistica di autori dal vivo

- a cura di Alessandro Brighetti e Veronica Santi
- promossa in collaborazione con Clan Lazzaro (10 LINES, Fondazione Cirulli, Kappanoun)


Orari di apertura ART CITY Bologna:

Venerdì 7, sabato 8 e domenica 9 maggio h 10.30-21.30

Ingresso:

gratuito

da ven 7 mag — a dom 9 mag
@10 Lines

En plain air

mostra | programma istituzionale ART CITY Bologna 2021