copertina di Bologna Festival

La 41ª edizione di Bologna Festival si svolge tra maggio e ottobre nelle rassegne Grandi Interpreti, Talenti e Il Nuovo l’Antico. Come un preludio, a partire dal 30 marzo, il ciclo di incontri Carteggi musicali: letture di scritti autografi ed epistolari con intermezzi musicali, quest’anno dedicate a Giuseppe Sinopoli,Giuseppe Verdi, Claude Debussy e Farinelli. In omaggio al celebre cantore e al suo ricco repertorio, l’11 aprile, un concerto del controtenore Jakub Józef Orliński, Anima Aeterna.   

La rassegna Grandi Interpreti si apre il 2 maggio con John Eliot Gardiner e i suoi English Baroque Soloists impegnati in Mozart e Haydn. Spiccano altri due appuntamenti sinfonici: Daniel Harding con la Mahler Chamber Orchestra e la violinista Alina Ibragimova; Jakub Hrůša con la Chamber Orchestra of Europe e la violinista Patricia Kopatchinskaja. Due i recital pianistici nella stagione 2022: il giovane Alexander Gadjiev in un programma tutto Chopin; la carismatica Khatia Buniatishvili che si muove tra Bach, Couperin, Schubert, Liszt e Satie. Mario Brunello con il suo violoncello piccolo incontra Tartini e autori coevi in pagine virtuosistiche; il mezzosoprano Vivica Genaux, insieme ai Musiciens du Louvre, si misura con le agilità vocali delle arie di Händel e Porpora.

La nuova iniziativa di approfondimento culturale Prima delle Note, in concomitanza di ogni concerto della rassegna Grandi Interpreti, affida ad esperti divulgatori e critici musicali quali Guido Barbieri e Fabio Sartorelli le guide all’ascolto introduttive ai programmi dei concerti. Gli incontri si tengono all’Oratorio di San Filippo Neri alle ore 18 (ingresso libero).

La rassegna cameristica Talenti, in collaborazione con Pianofortissimo, si svolge open air dal 13 giugno al 5 luglio, in suggestivi luoghi di interesse storico. Nell’edizione 2022 si ascoltano Kevin Spagnolo/Simone Rugani, Luca Giovannini/ Martina Consonni, i Solisti della Camerata Accademica, Davide Ranaldi e il Quartetto Eos.

La rassegna di musica antica e contemporanea Il Nuovo l’Antico si apre con le “polifonie senza tempo” dei Tallis Scholars per approdare al Seicento dell’Imaginarium Ensemble guidato dal violinista barocco Enrico Onofri, passando per l’impressionante esibizione del percussionista Simone Rubino. Una particolare attenzione va poi al repertorio per gli strumenti a tastiera, nuovi o antichi, tradizionali o preparati, elettronici o giocattolo come il fortepiano di Andreas Staier o le cinque diverse tastiere di Emanuele Arciuli. La pianista Maria Grazia Bellocchio crea inedite intersezioni tra Couperin e Kurtág, mentre il Quartetto Prometeo disegna un’ideale storia della musica per quattro archi da Beethoven a Francesconi.


Programma completo

SCARICA LA BROCHURE


ABBONAMENTI E BIGLIETTI
Prelazione abbonati sino al 12 marzo / Vendita nuovi abbonamenti dal 19 marzo
Vendita biglietti concerto Orliński dal 19 marzo
Vendita singoli Biglietti e Carnet 3 concerti Grandi Interpreti dal 9 aprile
Per maggiori informazioni visitare la pagina Informazioni di biglietteria

contenuto inserito il 15 feb 2022 — ultimo aggiornamento il 16 feb 2022

Bologna Festival

41ª edizione | 30 marzo - 27 ottobre 2022